Sono pas­sa­ti tre lun­ghis­si­mi anni dal­la sua scom­par­sa, lo ricor­dia­mo tut­ti con immen­so affet­to e con un’im­men­sa man­can­za nel nostro cuo­re.
Vini­cio non era solo l’a­ni­ma di Un por­to per noi, era l’a­ni­ma di tut­ti noi che l’ab­bia­mo cono­sciu­to e per tut­ti colo­ro che diret­ta­men­te, o indi­ret­ta­men­te tra­mi­te l’as­so­cia­zio­ne, han­no tro­va­to pace dal “male oscu­ro”.
Gra­zie Vini­cio 
[hr]
Vi lascio con uno dei pen­sie­ri di Vini­cio scrit­to di suo pugno…
IMG
La gen­te muo­re male
per­ché è impre­pa­ra­ta a mori­re,
così come vive male
per­ché è impre­pa­ra­ta a vive­re.