Il disturbo depressivo è una condizione clinica debilitante anche per la frequente presenza di alterazioni delle funzioni cognitive. Come più volte ha evidenziato l’OMS, tra le varie patologie psichiche, la depressione costituisce oggi quella che crea maggiore allarme sanitario ed è di questa patologia che soffre maggiormente l’Italia e, nel mondo, la popolazione femminile. LEGGI Depressione: temuta da un italiano su tre

In Italia 4,5 milioni sono le persone colpite da depressione e le donne lo sono in particolare nei periodi di loro maggiore vulnerabilità. In un recente studio è emerso che trascorrono 23 mesi tra comparsa dei primi sintomi e decisione di rivolgersi a un medico, mentre il tempo prima di ricevere una diagnosi è di 25,5 mesi.

depressione-donne-giovaniMolteplici possono essere le cause della patologia depressiva, sostanzialmente individuabili in fattori ambientali, biologici, di predisposizione genetica, personologici, da stress, da malattie organiche e da farmaci. Non vi è quindi un unico fattore determinante quanto una combinazione di più concause.

IL LIVELLO DI “FAMILIARITÀ” CON LA DEPRESSIONE

Il campione:è distribuito nelle aree geografiche in modo rappresentativo della distribuzione della popolazione italiana (27% Nord Ovest, 19% Nord Est, 20% Centro, 34% Sud e Isole); Ha un’età compresa fra i 25 e i 70 anni. Le interviste sono state equidistribuite nelle 5 fasce d’età (25-33, 34-42, 43-51, 52-60, 61-70). Età media 47 anni;

  • CHI RITIENE DI AVERE SOFFERTO CHI RITIENE DI AVERE SOFFERTO NON HA ALCUNAESPERIENZA DI DEPRESSIONE
  • CHI RITIENE DI AVERE SOFFERTO
  • HA RICEVUTO UNA DIAGNOSI
  • UN FAMILIARE/AMICO NE HA SOFFERTO

Fonte: Italiani e depressione –Novembre 2015

 

Una recente stima europea indica che la prevalenza annuale di disturbi mentali stimata in Europa è del 38,2%.


1 persona su 4 ritiene che la depressione sia una problematica mentale

La percezione della depressione

Dati in %

Una malattia come le malattie fisiche da diagnosticare e trattare 4%
Un problema mentale, che nessuno riesce a capire e con cui si può solo convivere 6%
Una malattia grave per cui si può fare molto poco 9%
Una condizione che chi ne soffre si è cercato che avrebbe potuto evitare 24%
Il segno della sfortuna e del male 58%

La depressione viene percepita come conseguenza complessa di una costellazione di fattori diversi ad azione sinergica, in primis fragilità caratteriale, traumi subiti o periodi di stress, situazioni familiari complesse o solitudine

Le principali cause della depressione

Base:1004 rispondenti (501 uomini, 503 donne)

fragilità emotiva/debolezza di carattere 63%
traumi 58%
periodo di stress 54%
situazione familiare difficile 51%
vita isolata/solitudine 43%
ereditarietà/familiarità/genetica 22%
parto 21%
cambiamento dello stile di vita 19%
abuso di sostanze 16%
disfunzioni organiche/cerebrali 14%
malattia cronica 12%
educazione ricevuta 10%
caso/destino 6%

Fonte: Italiani e depressione –Novembre 2015


La prevenzione della depressione necessita l’adozione di strategie che aiutino a ridurre la gravità della deflessione del tono dell’umore, prevenendo in tal senso gli aspetti più invalidanti della malattia. Le tecniche di prevenzione vanno acquisite durante le fasi di benessere, al fine di applicarle
nei momenti di comparsa dei segni prodromici della malattia

Dati a cura di Elma / Research
fonte: www.repubblica.it