Uomo_disegno_pioggia_caffèIn Ita­lia, si sti­ma che ogni anno, ogni cit­ta­di­no con­su­ma 6 kg di caf­fè e get­ta altret­tan­ti fon­di di caf­fè nel­la spaz­za­tu­ra: ma che erro­re!!! Sape­te quan­te poten­zia­li­tà ed uti­liz­zi han­no i fon­di di caf­fè e qua­le “teso­ro” sta­te but­tan­do via? In un perio­do dif­fi­ci­le e di cri­si come il pre­sen­te, è dav­ve­ro uno spre­co non sfrut­ta­re tut­te le pos­si­bi­li alter­na­ti­ve e fun­zio­na­li­tà che se ne pos­so­no rica­va­re; ecco cosa ne pos­sia­mo fare (sen­za dimen­ti­ca­re il rici­clo e l’aiuto all’ambiente che pos­sia­mo dare ridu­cen­do i rifiu­ti):

Per con­tra­sta­re i cat­ti­vi odo­ri, i fon­di del caf­fè sono otti­mi per assor­bir­li: nel fri­go­ri­fe­ro basta por­li in una taz­za (da lascia­re aper­ta) e lasciar­li espri­me­re il loro aro­ma; per gli arma­di, riem­pi­re dei sac­chet­ti di stof­fa asciut­ti (o dei col­lant vec­chi) con i fon­di e ripor­li all’interno per con­tra­sta­re l’odore di chiu­so. Se si pre­fe­ri­sce, è pos­si­bi­le aggiun­ge­re qual­che goc­cia di estrat­to di vani­glia per gli arma­di e di olio essen­zia­le alla men­ta per il con­ge­la­to­re, fri­go­ri­fe­ro e posa­ce­ne­ri.

Per deo­do­ra­re gli ambien­ti, mischia­re i fon­di di caf­fè con un po’ di acqua e can­nel­la e lasciar vapo­riz­za­re il pro­fu­mo a fuo­co dol­ce.

Per i capel­li, stro­fi­na­re i fon­di dopo aver fat­to lo sham­poo e lasciar ripo­sa­re per 10 minu­ti, risciac­qua­re poi di nuo­vo con poco sham­poo: potreb­be pre­ve­ni­re la for­fo­ra, la cadu­ta dei capel­li e dona­re lucen­tez­za alle chio­ma casta­ne.

Per le mani in cuci­na, aiu­ta­no a toglie­re l’odore che lascia­no aglio, cipol­la e pesce: stro­fi­na­re quin­di le mani con i fon­di e poi insa­po­nar­le.

Per il cor­po, fare uno scrub mesco­lan­do i fon­di di caf­fè con qual­che cuc­chiai­no di olio d’oliva: la misce­la otte­nu­ta sem­bra sia un otti­mo esfo­lian­te natu­ra­le, nutrien­te, eco­no­mi­co e bio­lo­gi­co.

Per le cosce ed i glu­tei, fare un com­po­sto anti­cel­lu­li­te misce­lan­do i fon­di (fine­men­te tri­tu­ra­ti) con 1 cuc­chia­io di bagno schiu­ma e 1 cuc­chia­io di acqua tie­pi­da (si può aggiun­ge­re anche 1 cuc­chia­io di argil­la ver­de ven­ti­la­ta): spal­ma­re e mas­sag­gia­re accu­ra­ta­men­te, lascian­do poi ripo­sa­re per 10 minu­ti. Fare poi una doc­cia tie­pi­da o fred­da. Tut­to ciò con­sen­te alle par­ti­cel­le del­la caf­fei­na di pene­tra­re in pro­fon­di­tà nel­la pel­le per favo­rir­ne ela­sti­ci­tà e un colo­ri­to sano.

Per le pian­te, usa­re i fon­di come con­ci­me e fer­ti­liz­zan­te, in quan­to con­ten­go­no impor­tan­ti nutrien­ti come cal­cio, azo­to, potas­sio, magne­sio e altri vari mine­ra­li: è suf­fi­cien­te met­te­re il fon­do del caf­fè fred­do nel vaso o diret­ta­men­te sul­la ter­ra. Se si pre­fe­ri­sce un fer­ti­liz­zan­te liqui­do, aggiun­ge­re 2 taz­ze di fon­di di caf­fè ad un sec­chio d’acqua, lasciar in infu­sio­ne e spar­ge­re poi sul­le pian­te da giar­di­no e da vaso, soprat­tut­to per nutri­re le foglie.

Per allon­ta­na­re gli inset­ti, i fon­di sono idea­li per­ché essen­do aci­di, sono dei veri repel­len­ti soprat­tut­to per le for­mi­che e le luma­che: spar­gen­do un po’ di pol­ve­re nei pun­ti cri­ti­ci del­la casa, ove soli­ta­men­te tro­va­te gli inset­ti, que­sti dovreb­be­ro tener­si lon­ta­ni dal­la vostra casa; lo stes­so vale per il giar­di­no: basta spar­ge­re i fon­di sul peri­me­tro e sen­za uti­liz­za­re pesti­ci­di, luma­che e chioc­cio­le pre­fe­ri­ran­no sta­re alla lar­ga.

Per luci­da­re pen­to­le e bic­chie­ri, dopo il nor­ma­le lavag­gio, stro­fi­nar­le per toglie­re la pati­na di mine­ra­li (non fate­lo con i piat­ti per­ché rischia­te di colo­rar­li dove vi sono i con­sue­ti graf­fi).

Per eli­mi­na­re le mac­chie sui mobi­li e sui pavi­men­ti, inu­mi­di­re un pan­no, pas­sar­lo sui fon­di e stro­fi­na­re poi sul­la mac­chia incri­mi­na­ta: pare che aiu­ti a far­la scom­pa­re facil­men­te anche se si trat­ta di mac­chie zuc­che­ri­ne date da sci­rop­pi, bibi­te, etc. Con la pol­ve­re di caf­fè, è pos­si­bi­le anche toglie­re i graf­fi chia­ri sui mobi­li in legno

Per colo­ra­re i tes­su­ti, i fon­di sono idea­li per­ché sono in gra­do di con­fe­ri­re toni cal­di ed effet­to invec­chia­to anche ai fila­ti. Se si aggiun­ge dell’acqua tie­pi­da, il colo­re mar­ro­ne che si ottie­ne può esse­re uti­liz­za­to anche per lavo­ri di decou­pa­ge (al ter­mi­ne, asciu­ga­re sem­pre con phon, spaz­zo­la­re via la pol­ve­re e fis­sa­re con sti­ra­tu­ra a sec­co)

Per accen­de­re il cami­no, arro­to­la­re dei gior­na­li e cospar­ger­li con la pol­ve­re dei fon­di (com­bu­sti­bi­le per­fet­to);per pulir­lo, but­ta­re i fon­di bagna­ti den­tro il cami­no per tene­re bas­se le pol­ve­ri e puli­re così facil­men­te

Per puli­re gli sca­ri­chi di lavan­di­ni e water, dilui­re i fon­di con acqua: si pre­ven­go­no anche i cat­ti­vi odo­ri.

E non fini­sce qui! Gra­zie a recen­ti stu­di, infat­ti, scien­zia­ti spa­gno­li han­no sco­per­to che i fon­di di caf­fè sono ric­chi di sostan­ze anti­os­si­dan­ti e potreb­be­ro esse­re uti­liz­za­ti per pro­dur­re inte­gra­to­ri per la salu­te. La mag­gio­re quan­ti­tà di anti­os­si­dan­ti si tro­ve­reb­be nei fon­di del caf­fè pre­pa­ra­to con cap­su­le, fil­tri e l’espresso del bar, meno in quel­lo del­la moka, ma comun­que è di cer­to che sia­no una risor­sa da sfrut­ta­re anco­ra e non da get­ta­re diret­ta­men­te nel­la spaz­za­tu­ra.

Fon­te: Vivodibenessere.it