Gazebo StraWoman

Grazie a chi si è iscritto alla StraWoman.

Ricor­dia­mo che metà del­la quo­ta d’i­scri­zio­ne, di chi si è regi­stra­to pres­so la nostra segre­te­ria, è sta­ta dona­ta a noi di Un por­to per noi.

Le iscrit­te sono sta­te 71, le par­te­ci­pan­ti… non lo sap­pia­mo, visto l’ac­quaz­zo­ne dei saba­to, sia­mo sta­ti costret­ti, nostro mal­gra­do intor­no alle 19.00, a smon­ta­re il gaze­bo per la trop­pa piog­gia.

 

Di segui­to l’ar­ti­co­lo redat­to da ecodibergamo.it sul­la mani­fe­sta­zio­ne.

Più che bian­ca, è sta­ta una Not­te bagna­ta del­lo Sport. Il mal­tem­po che da vener­dì sera si è abbat­tu­to su tut­ta la pro­vin­cia, non si è pla­ca­to nep­pu­re saba­to sera e l’evento che ogni anno richia­ma miglia­ia di aman­ti di fit­ness, arti mar­zia­li, aero­bi­ca e disci­pli­ne fisi­che varie non è potu­to anda­re in sce­na al meglio.

L’acquazzone non ha però fat­to pau­ra alle podi­ste in gon­nel­la, o meglio in cal­zon­ci­ni. La Stra­Wo­man, come da sca­let­ta, è par­ti­ta alle 21: le appas­sio­na­te di cor­sa, ma anche qual­che neo­fi­ta, sono scat­ta­te al ter­mi­ne del con­to alla rove­scia. E, con­tor­na­te da tan­ti pal­lon­ci­ni rosa, si sono bat­tu­te nel­la com­pe­ti­zio­ne tut­ta al fem­mi­ni­le.

Con otti­mi nume­ri: sono infat­ti sta­te cin­que­mi­la le don­ne di tut­te le età che han­no cor­so 5 km attra­ver­so le vie più sug­ge­sti­ve del­la cit­tà, del cen­tro sto­ri­co, fino alla Cit­tà Alta. Gran­de ener­gia e diver­ti­men­to gra­zie alla friz­zan­te con­du­zio­ne di Fran­ce­sco Nasti di Radio Viva FM e alla cari­ca del­le par­te­ci­pan­ti, tut­te con maglia rosa, che han­no potu­to riu­nir­si, cono­scer­si, con­fron­tar­si, e soprat­tut­to cor­re­re assie­me sot­to le stel­le e la piog­gia.

Alle ore 21 la par­ten­za: uno spet­ta­co­la­re fiu­me di maglie rosa si è river­sa­ta per la cit­tà, nono­stan­te la for­te piog­gia che le ha accom­pa­gna­te per tut­to il per­cor­so. La mar­cia è sta­ta a rit­mo libe­ro, per­ciò cia­scu­na ha potu­to sce­glie­re la pro­pria anda­tu­ra. All’arrivo dal pal­co dopo il risto­ro e il pasta par­ty si sono svol­te le pre­mia­zio­ni, con cop­pe e pre­mi e gad­get per tut­ti.

L’associazione spor­ti­va Ita­lia Run­ners rin­gra­zia come sem­pre il Comu­ne di Bergamo per il sup­por­to, gli orga­niz­za­to­ri del­la Not­te Bian­ca del­lo Sport, gli spon­sor, i part­ner e le asso­cia­zio­ni che han­no reso pos­si­bi­le la mani­fe­sta­zio­ne. Stra­wo­man Tour pro­se­gue con due date il 19/7 a Como e il 21/09 a Mon­za. A Bergamo la nuo­va edi­zio­ne tor­ne­rà nel 2015.

Dal­la piog­gia si sono sal­va­ti alcu­ni altri spor­ti­vi che han­no appro­fit­ta­to del qua­dri­por­ti­co del Sen­tie­ro­ne per resta­re ripa­ra­ti: in sel­la, a rit­mo di musi­ca, in mol­ti si sono alle­na­ti nel­lo spin­ning, alcu­ne bam­bi­ne han­no bal­la­to, alcu­ne altre si sono esi­bi­te in gin­na­sti­ca arti­sti­ca. Deso­la­to, pur­trop­po, il resto del cen­tro fino a piaz­za Mat­teot­ti dove, da pro­gram­ma, i ber­ga­ma­schi avreb­be dovu­to assi­ste­re a dimo­stra­zio­ni di ten­nis, rol­ler, scher­ma, boxe, dife­sa per­so­na­le fem­mi­ni­le, fit­ness, rug­by, tiro con l’arco, disci­pli­ne orien­ta­li, bal­li carai­bi­ci, gin­na­sti­ca arti­sti­ca, dan­za, basket, orien­tee­ring, moun­tain­board e mol­to altro anco­ra. Tan­ti appas­sio­na­ti, han­no volu­to par­te­ci­pa­re comun­que alla Not­te bian­ca del­lo sport 2014, ma il nume­ro dei par­te­ci­pan­ti non ha rag­giun­to le 50 mila uni­tà del 2013.